“Ha colpito l’arbitro con un pugno”, juniores squalificato per 3 anni

08 Ottobre 2014

cartellino rosso

Stangata del giudice sportivo sul calciatore della squadra Juniores del Rottofreno espulso nel corso della gara di sabato scorso dei biancorossi in casa del Podenzano: tre anni di squalifica “per aver sferrato un pugno all’arbitro, costretto a interrompere la gara”. Per il Rottofreno, inoltre, partita persa per 0-3. “Il giocatore – si legge nel referto – veniva espulso per aver pronunciato gravi espressioni offensive nei confronti del direttore di gara. Prima di allontanarsi dal terreno di gioco si avventava improvvisamente contro l’arbitro e gli sferrava con violenza un pugno alla tempia sinistra, provocandogli dolore. Dopo di che reiterava al suo indirizzo frasi gravemente offensive. Intervenivano, a questo punto, i suoi compagni di squadra, evitando così più gravi conseguenze. L’arbitro riteneva quindi definitivamente sospesa la gara al 16° del primo tempo”. Il giovane è stato squalificato fino a tutto il 4 ottobre 2017.

In Terza categoria, mano pesante del giudice sportivo sul Gragnano, che paga cara la trasferta di Borgonovo: un giocatore squalificato per tre giornate, altri due per due giornate e un dirigente inibito per due mesi.

In Promozione, il risultato di Vigor Carpaneto-Royale Fiore, finita 7-0 per i padroni di casa, non è stato per il momento omologato dal giudice sportivo regionale, visto il preannunciato reclamo degli ospiti, legato a un possibile problema di tesseramento di un calciatore del Carpaneto.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà