Piace, non c’è tempo per rifiatare.
De Paola: “Volpe e Lisi non si discutono”

24 Marzo 2015

De Paola (1)-800

Una sconfitta che ha fornito certezze ulteriori, anziché minare alla sicurezza ritrovata del nuovo Piacenza. Questa pare essere l’interpretazione più corretta del De Paola-pensiero a 48 ore dalla sconfitta nella tana della capolista Rimini, ma soprattutto nell’immediata vigilia del nuovo impegno di campionato che attende i biancorossi domani. Alle 14.30, sarà il Garilli il palcoscenico della sfida ad un Thermal Abano ,in piena lotta per evitare la retrocessione e che sarà ostacolo da non sottovalutare; nel girone ascendente, i veneti riservarono amarissime sorprese alla squadra allora allenata da Francesco Monaco.

Il “pirata” De Paola ha analizzato a fondo il match di Rimini “che avevamo preparato in altra maniera rispetto a come sono andate le cose – ha dichiarato l’ex centrocampista di Lazio e Brescia -: ci siamo trovati di fronte una super squadra, sia dal punto di vista tecnico che fisico. In attacco siamo mancati, è vero, ma credetemi, non cambierei Volpe e Lisi con nessun altro attaccante. La fase difensiva è registrata, ora lavoreremo per migliorare anche davanti”.

Domani sono preannunciati ritocchi all’undici iniziale: si tornerà al 4-2-3-1 con Tarantino che affiancherà Di Maio al centro della difesa e Cifarelli che darà respiro a Zagnoni a sinistra, con quest’ultimo afflitto da una lieve forma di pubalgia. Davanti, spazio al ritorno di Bertazzoli che pare avvantaggiato rispetto a Girometta. Saber tornerà tra i titolari e appoggerà da vicino il centravanti ex Aurora Seriate. Corso e Mauri saranno i costruttori di gioco.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà