Serie C

Pro al Garilli, a 10 giorni dalla prima di campionato ancora nessun accordo

17 agosto 2017


Dieci giorni esatti al primo calcio d’inizio e, ad oggi, ancora non vi è certezza che Pro Piacenza-Giana Erminio, valida per la prima giornata del campionato di Serie C, possa andare in scena come da copione al Garilli.

Come noto, il nuovo bando per la gestione dell’impianto è stato vinto dalla società dei fratelli Gatti che richiede settemila euro a gara alla realtà del presidente Burzoni: una cifra ritenuta congrua dai biancorossi per far fronte alle spese di gestione derivanti dai match interni del Pro; un importo considerato eccessivo in via de Longe dove, stando alle indiscrezioni, si arriverebbe al massimo a 5mila euro.

Nel corso delle ultime settimane, sono stati tanti i soggetti, politici e non, che hanno tentato di proporsi come mediatori sulla questione, cercando di trovare un punto di incontro tra le due realtà calcistiche di casa nostra che rimangono però ancora lontanissime.

Domani mattina si terrà la prima riunione stagionale per il Gos, il Gruppo operativo per la sicurezza composto da un funzionario della polizia di Stato, da funzionari dei vigili del fuoco, del servizio sanitario e della polizia municipale che, come previsto dalla normativa in materia, stilerà il protocollo di sicurezza da adottare per il match di domenica 27 agosto. Anche se, ad oggi, non è escluso che i cancelli del Garilli possano rimanere chiusi. Un’ipotesi estrema ma che, con un accordo ancora tutto da raggiungere, non può essere scartata a priori.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE