Vittoria al Nereo Rocco

Il Piace soffre, lotta e colpisce: Paponi e Sylla ribaltano la Triestina

8 settembre 2019

E’ il solito Piacenza, che dà l’impressione di poter naufragare, che soffre, che stringe i denti ma che poi esce alla distanza e colpisce senza pietà. Al Nereo Rocco, i biancorossi, in maglia blu, schiantano in rimonta la Triestina passata in vantaggio in avvio con Formiconi ma che nella ripresa deve arrendersi alle “magie” di Franzini: Paponi, doppietta, e Sylla, entrati a gara in corso, sono gli eroi di una giornata che vale il primo successo esterno, il secondo squillo consecutivo.

Franzini, stante l’indisponibilità di Della Latta (non convocato dopo le note vicende legate alla mancata cessione al Bari), presenta Bolis in cabina di regia, mentre Sestu torna dal primo minuto: fuori Paponi, modulo ancora 4-3-1-2 con Cattaneo e lo stesso Sestu che godono di ampia libertà di movimento. Bertozzi sostituisce Del Favero, convocato in Nazionale Under 21.

Si gioca sotto ad una pioggia incessante, ma il campo sembra tenere bene. Grande equilibrio nelle prime battute ma già al 10’, la difesa dei biancorossi, in campo in maglia blu, paga a caro prezzo una grave disattenzione. Sul calcio di punizione di Giorico da posizione centrale, traversone al bacio per lo stacco prepotente di Granoche che chiama Bertozzi all’intervento super ma sulla ribattuta Formiconi, indisturbato, deposita in rete il pallone del vantaggio friulano. Una gara che si fa subito in salita e l’acquitrino del Rocco complica ulteriormente le cose a Pergreffi e soci che non trovano il modo per aggirare l’attentissima difesa albardata.

Ripresa e Franzini cambia, uomini e modulo: dentro Giandonato per un evanescente Cattaneo e lo schieramento tattico diventa 3-5-2 con l’ex Livorno che si va a piazzare al centro della difesa tra Pergreffi e Milesi. L’inizio della ripresa è però di marca triestina. Prima Bertozzi respinge una conclusione violenta di Maracchi, mentre sono vibranti le proteste friulani per un contatto sospetto tra Milesi e Mensah in piena area. La Triestina sembra controllare a proprio piacimento il match nonostante il grande impegno di un Piace che cambia ancora pelle: dentro Sylla e Paponi, fuori Cacia e Sestu. Il centravanti africano si getta su ogni pallone, ma di occasioni nemmeno l’ombra. Quando il Piacenza non sembra ormai più in grado di aumentare la pressione, al 28’, la svolta: cross da destra di Zappella e zampata da pochi metri di Paponi che batte Offredi e rimette in parità la sfida. Tutto finito? No, perché la furia di Paponi colpisce nuovamente cinque minuti dopo: altro cross di Zappella e torsione aerea perfetta dell’attaccante che trova l’angolo alla destra di Offredi. Triestina sotto shock e Piacenza che non sciupa il tesoretto e, anzi, lo impreziosisce con un contropiede spettacolare condotto da Corradi, rifinito da Nicco e concluso splendidamente da Sylla che, in spaccata, cala il definitivo tris. Vittoria da applausi per un Piacenza che si conferma spietato.

Tre punti pesantissimi che scacciano ogni perplessità emersa nel successo ottenuto con il Modena al Garilli e che significa Piace nelle zone altissime di graduatoria. Tra sette giorni si torna al Garilli dove, alle 15, sarà sfida alla Fermana. Qui tutti i risultati di giornata.

TRIESTINA-PIACENZA 1-3
MARCATORI Formiconi al 10’ p.t.; Paponi al 28’ e al 33’, Sylla al 38’ s.t.
TRIESTINA (4-4-2) Offredi; Formiconi (dal 35’ s.t. Costantino), Lambrughi, Malomo, Frascatore; Mensah (dal 37’ s.t. Procaccio), Maracchi, Giorico, Gatto (dal 17’ s.t. Beccaro); Granoche, Gomez (dal 19’ s.t. Ferretti). (Matosevic, De Genova, Steffè, Codromaz, Hidalgo, Scrugli, Cernuto, Vicaroni). All. Pavanel
PIACENZA (4-3-3) Bertozzi; Zappella, Milesi, Pergreffi, Imperiale; Nicco (dal 45’ s.t. Marotta), Bolis (dal 22’ s.t. El Kaouakibi), Corradi; Cattaneo (dal 1’ s.t. Giandonato); Sestu (dal 12’ s.t. Paponi), Cacia (dal 12’ s.t. Sylla). (Ansaldi, Riccardi,, Borri, Scotti, Forte, Nannini). All. Franzini
ARBITRO Carella di Bari
NOTE Ammoniti Corradi, Sylla, Maracchi. Angoli 4-1.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE