Del Favero para un rigore

Piace, non basta un gran primo tempo: Pesenti risponde a Imperiale e manda su tutte le furie Stefano Gatti

26 ottobre 2019


Conferenza stampa di fuoco a fine gara di Stefano Gatti. A fine partita, il presidente onorario del Piace è stato un fiume in piena e non ha risparmiato parole durissime nei confronti di Max Pesenti, protagonista di una discutibile esultanza al gol del pareggio.

“Se fosse un mio giocatore, lo caccerei e non lo farei più giocare. Cosa gli ha fatto il Piacenza? Ha preso tutti i soldi, sono comportamenti inauditi. Antisportivi, scaldano gli animi e alimentano la violenza. Mi aspetterei le scuse del Padova, ma so che non arriveranno. Ho vinto tutto nella pallavolo, il calcio è uno sport di m….” ha dichiarato il numero uno biancorosso.

LA PARTITA
Un tempo a testa e divisione della posta che lascia però più di un rammarico in casa Piace dopo una prima frazione in cui la capolista è stata chiusa all’angolo, ma castigata da una sola rete. L’1-1 tra Piacenza e Padova è risultato corretto di un match che mantiene i biancorossi lontani dalle zone che contano di graduatoria ma che può essere considerato passo avanti evidente rispetto alle deludenti trasferte di Pesaro e Salò.

Franzini per la gara con la capolista opta per una formazione inedita: esordio dal primo istante per Borri (sbaglierà pochissimo) nel terzetto di difesa con l’avanzamento di Della Latta a metà campo. In attacco bocciato Cacia, ci sono Sylla e Sestu, con quest’ultimo che firma una prova di straordinaria continuità e qualità.

La partenza del Piace non è delle migliori, con Santini che prova dopo soli due minuti ad impensierire Del Favero. Si tratta solo di un episodio perchè i biancorossi salgono di tono e alzano sensibilmente il baricentro con un pressing ben orchestrato da Marotta, il più in forma tra i centrocampisti. E al 16′ è già vantaggio: Nicco ruba palla a metà campo e spedisce sul fondo Zappella il cui cross da destra trova pronto alla deviazione sotto misura Imperiale che griffa il suo primo gol in carriera. Poco dopo, numero di Sestu a destra e traversone da spellarsi le mani: il sinistro al volo di Nicco non ha fortuna, ma il pubblico, peraltro poco numeroso, dimostra di apprezzare. Soprattutto perchè Pergreffi e soci non si rintanano dietro ma rimangono propositivi e tentano l’offesa, come al 32′: Nicco dispone di un rigore in movimento dal limite dell’area, ma il suo piattone destro spedisce il pallone ad un palmo dalla traversa. Nel finale, la capolista combina qualcosa in più ma non va oltre una collezione di calci piazzati con Ronaldo che non propizia però pericoli veri. All’ultimo istante il corner di Sestu consente a Della Latta lo stacco imperioso sul primo palo: Minelli alza miracolosamente sopra la traversa.

Si riparte e il Padova potrebbe trovare il pari dopo soli due minuti: contatto in area tra Imperiale e Cherubin che vale il calcio di rigore in favore dei veneti. Ci pensa Del Favero a fare il fenomeno e a respingere il destro dagli undici metri di Santini per un Piacenza che la fa franca. Ma la beffa arriva al 12′ nella maniera più rocambolesca: Pesenti, proprio l’ex più atteso, devia un pallone calciato dal limite da Mandorlini e la punizione diviene imprendibile per Del Favero. E’ il gol dell’1-1 ma è anche il momento più caldo della sfida: il centravanti, con una veemenza del tutto fuori luogo, si presenta sotto alla tribuna con tanto di mani alle orecchie, scatenando le ire di tutto il pubblico. Subito sostituito l’attaccante padovano, dentro Soleri con il tifo piacentino scatenato. Gara che diviene più nervosa e spezzettata, ma al 24′ Pergreffi ha sulla testa il pallone del nuovo sorpasso: questa volta l’inzuccata del difensore si perde sul fondo di un soffio. Ad un quarto d’ora dal termine, dentro anche Paponi che rientra dopo le tre gare saltate per infortunio. Il brivido più grande lo procura però Bolis, entrato al posto di Nicco, con un calcio di punizione che Minelli ha deviato in angolo da campione nel finale della sfida.

Prossimo impegno, domenica prossima sul campo della rivelazione Virtus Verona.

PIACENZA-PADOVA 1-1
MARCATORIImperiale al 16′ p.t.; Pesenti al 12′
PIACENZA (3-5-2) Del Favero 7,5; Milesi, Borri, Pergreffi; Zappella, Nicco 6,5 (dal 30′ s.t. Bolis), Marotta, Della Latta, Imperiale; Sestu, Sylla (dal 30′ s.t. Paponi). (Bertozzi, Riccardi, Nannini, El Kaouakibi, Corradi, Giandonato, Cattaneo, Cacia, Forte). All. Franzini.
PADOVA (3-5-2) Minelli; Cherubin, Kresic, Lovato 6 (dal 44′ s.t. Andelkovic); Daffara (dal 1′ s.t. Buglio), Germano, Ronaldo (dal 1′ s.t. Mandorlini), Castiglia, Baraye; Pesenti (dal 14′ s.t. Soleri), Santini (dal 37′ s.t. Gabionetta). (Galli, Cherif, Serena, Capelli, Mandorlini, Mokulu, Bunino, Sylla). All. Sullo.
ARBITRO Zufferli di Udine
NOTE paganti 1.419, abbonati 2.259 , incasso non comunicato. Ammoniti Nicco, Cherubin, Pergreffi, Pesenti, Sylla, Angoli 5-4.

LA CLASSIFICA

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE