Toscani a segno nel recupero

Piace tosto ma jellato: con il Pontedera un ko carico di rimpianti

4 ottobre 2020

Obiettivo mancato ad un passo dal triplice fischio. Il Piacenza cade anche a Carrara dove i biancorossi, dopo aver condotto per tutto il corso del match le danze, si sono arresi al gol di Magrassi arrivato al 48′, dunque in pieno recupero, grazie all’errore di Vettorel che ha respinto sui piedi dell’attaccante granata una conclusione da fuori dei toscani. Un ko che fa malissimo proprio per le tante opportunità sciupate dalla squadra piacentina che mette sul piatto anche un palo centrato da Maio a metà ripresa.

Manzo infatti, nelle scelte iniziali, ha deciso di puntare immediatamente sull’ex Albino Leffe Gonzi, schierato sul versante mancino. E’ un 4-3-3 più abbottonato quello presentato dal tecnico salentino e che, in fase di non possesso, diviene 4-5-1. Corbari sostituisce D’Iglio infortunato, parte dalla panchina Heatley.

L’avvio è all’insegna dell’equilibrio, ma ben presto proprio il Piacenza guadagna campo e si propone con buona continuità dalle parti dell’area di rigore toscana. Il primo squillo è firmato Palma, sempre nel pieno del gioco: il suo destro è respinto in angolo dall’estremo difensore granata. Il Piace colleziona calci d’angolo, ma fatica ad arrivare alla conclusione. Bello il tentativo in acrobazia di Galazzi poco dopo la mezz’ora ben imbeccato dalla sponda di Babbi: pallone appena fuori. Non pervenuto in attacco il Pontedera e Vettorel che trascorre una prima frazione da disoccupato.

Nella ripresa, la partenza della squara di Maraia è ben più decisa, ma Vettorel fa buona guardia sul tentativo del temibile Magrassi. Si scuote dal torpore il Piace ma è clamoroso l’errore, dopo cinque minuti, di Corbari che, in solitudine, in piena area, colpisce di spalla azichè di testa un pallone che avrebbe meritato ben altro trattamento. Ci prova ancora da fuori Palma: respinta di Sarri che regala il tap-in a Babbi che però, di testa, colpisce debolmente e il pallone è bloccato ancora una volta da Sarri. Gara piacevole e ritmi sostenuti con Manzo che, poco prima della mezz’ora, cambia: dentro Maio e Lamesta, fuori Babbi e Gonzi. Un minuto e subito occasione da rete: assist da destra di Corbari per la battuta a colpo sicuro di Palma il cui destro si rivela troppo fiacco per superare Sarri. E’ sfida aperta tra Palma e il portiere avversario: il centrocampista ci prova ancora dal limite dell’area dopo una bella azione di Pedone a destra, pallone alzato sopra la traversa. I ragazzi di Manzo premono a tutta ma al 32′ ci si mette anche la jella a complicare i piani biancorossi: incursione a sinistra proprio di Maio e pallonetto su Sarri che spedisce il pallone a incocciare contro il palo. Tutto lascia presagire un finale senza troppe sorprese, ma in pieno recupero il fattaccio: Magrassi è spiegato sulla corta respinta di Vettorel dopo un tiro da fuori e per il Piacenza è notte fonda.

Prossimo impegno mercoledì prossimo al Garilli con il Livorno.

PONTEDERA-PIACENZA 1-0
MARCATORE Magrassi al 48′ s.t.
PONTEDERA (3-4-2-1) Sarri; Ropolo, Risaliti, Milani; Perretta, Magrassi, Caponi (dal 43′ s.t. Stanzani), Matteucci (dal 1′ s.t. Benassai); Barba, Catanese; Tommasini (dal 32′ s.t. Faella). (Angeletti, Di Furia, Bardini, Pruneti, Parodi, Benedetti, Nero, Vaccaro). All. Maraia
PIACENZA (4-3-3) Vettorel; Simonetti, Bruzzone, Battistini, Visconti; Pedone, Palma (dal 40′ s.t. Miceli), Corbari (dal 47′ s.t. Heatley); Gonzi (dal 27′ s.t. Lamesta), Babbi (dal 27′ s.t. Maio), Galazzi. (Anane, Stucchi, Martimbianco, Renolfi, Daniello, Losa, Saputo, Siani). All. Manzo

Arbitro: Madonia di Palermo

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Piacenza Sport

NOTIZIE CORRELATE