Intervento a sorpresa di Pighi a Zona Piace: “Budget lievitato a 2,9 milioni”

01 Febbraio 2021


“Dite che grazie ai soldi incassati dal Venezia per Galazzi, ho ampiamente coperto gli arrivi di Cesarini e Marchi. Non è vero: anche queste due operazioni portano, a me e ai soci, una passività. Che si aggiunge a quelle che hanno già caratterizzato questa strana stagione. Un dato per tutti: il budget, che era a inizio stagione di 2,1 milioni, è già lievitato a 2,9. Questo per dire che nessuno, io per primo, si è tirato indietro da questo punto di vista, cioè quello della tasca destra dei pantaloni”.

E’ soltanto uno dei passaggi dell’intervento del presidente del Piacenza Calcio, Roberto Pighi nel corso dell’ultima puntata di Zona Piace. Il numero uno biancorosso, a sorpresa, è stato protagonista di uno dei passaggi più significativi della serata di Telelibertà dedicata alla squadra cittadina. Dichiarazioni accorate che hanno evidenziato una volta di più l’attaccamento ai colori, senza sottrarsi ad alcune ammissioni di responsabilità.

“Alcuni errori sul piano tecnico sono stati commessi, non lo possiamo certo negare – ha detto Pighi nel corso della sua telefonata in diretta -: penso anche però che la società abbia dimostrato di voler correre ai ripari e di cercare di voler fare di tutto per rimetterci in pista e dare la caccia al nostro obiettivo”.

Con Pighi si è parlato dell’ultima sessione di mercato, di budget e anche della città e dell’interesse per il Piacenza Calcio: “Non credo che oltre ai miei soci e al sottoscritto, ci fossero tanti altri imprenditori disposti ad accollarsi una simile impresa. Non ci sono altri imprenditori, al momento, che possano garantire aiuto, quindi credo che, al netto degli errori commessi in buona fede, dovrebbe esserci maggiore positività nei riguardi del club e mi piacerebbe avvertire meno pessimismo. A volte sembra quasi che qualcuno sia felice di un Piace in difficoltà. Io invece voglio rimanere positivo e dico che ce la faremo”.

Zona Piace tornerà lunedì prossimo, ancora su Telelibertà, alle 20.15.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà