Naufragio a Busto, il Piacenza torna nuovamente in“zona rossa” di classifica. FOTO

07 Marzo 2021

Disfatta clamorosa del Piacenza allo Speroni di Busto Arsizio dove la Pro Patria ha regolato i biancorossi con il punteggio di 3-0 proprio come accaduto nella sfida di andata. Piace mai in partita e incapace di creare pericoli dalle parti di Greco quasi mai chiamato in causa. Pratica chiusa già nel primo tempo per i ragazzi di Javorcic, guidati dal tandem offensivo Kolaj-Latte Lath che ha di fatto umiliato il pacchetto arretrato di mister Scazzola. I due gol nel primo tempo dei due attaccanti bustocchi prima del tris ad inizio ripresa dello stesso Latte Lath abile a conquistare e trasformare un calcio di rigore per sancire una domenica nerissima per il Piacenza, ora più che mai nei guai in classifica. L’Olbia, grazie ai tre punti ottenuti sul campo della Pergolettese, scavalca il Piace che dunque si trova nuovamente in zona playout.

Mister Scazzola per la sfida con i lombardi ha dovuto fare a meno di tanti titolari: fuori il portiere Libertazzi, oltre a Marchi, Ballarini, Corbari e De Respinis. Spazio così a un 3-5-2 con Cannistrà in difesa e Gonzi piazzato sul versante mancino al posto di Visconti relegato in panchina. Con Scorza a metà campo, Maio e Cesarini hanno dato vita all’inedita coppia offensiva.

Come detto, Piacenza quasi mai pericoloso, fatta eccezione per un colpo di testa di Maio al 20′ terminato appena alto. Prima però, gran parata di Stucchi su Latte Lath presentatosi in solitudine di fronte al portiere piacentino. Difesa biancorossa in grossa difficoltà sugli attaccanti bustocchi e, al 24′, si è materializzato il vantaggio grazie alla combinazione tra Latte Lath e Kolaj, al tiro vincente con il destro dal limite dell’area. Piacenza inerme e, al 29′, il raddoppio: i ruoli si scambiano e così sul servizio di Kolaj diagonale di Latte Lath che supera Stucchi con Pedone che non riesce a salvare il pallone nel suo disperato intervento in extremis. Piacenza di fatto non pervenuto, Pro Patria avanti di due gol con il minimo sforzo.

E non finisce qui perchè ad inizio ripresa, nonostante gli accorgimenti di Scazzola (dentro Lamesta e modulo 4-3-1-2), la Pro Patria cala il tris: Latte Lath irride Tafa che lo stende in piena area. Dal dischetto, l’ex Atalanta trasforma con freddezza e di fatto mette in ghiaccio la gara. Di lì in avanti sarà pura accademia con il Piacenza incapace di graffiare e la Pro che si è limitata ad un agile controllo della manovra senza forzare più di tanto. Nel finale, esordio stagionale per Breganti in una domenica da dimenticare in fretta e che ha visto Palma fallire (pallone fuori) anche il rigore che avrebbe reso meno amara la giornata che spinge di nuovo “all’inferno” Battistini e soci.

Prossimo impegno, domenica prossima al Garilli con l’Alessandria quando l’appuntamento con i tre punti non potrà in alcun modo essere rimandato.

PRO PATRIA-PIACENZA 3-0
MARCATORI Kolaj al 24′ e Latte Lath al 29′ p.t.; Latte Lath su rigore al 4′ s.t.
PRO PATRIA (3-5-2) Greco; Gatti, Lombardoni, Boffelli; Colombo (dal 41′ s.t. Vaghi), Nicco (dal 41′ s.t. Ferri), Bertoni, Brignoli (dal 5′ s.t. Spizzichino), Pizzul; Latte Lath (dal 24′ s.t. Castelli), Kolaj (dal 24′ s.t. Le Noci). (Mangano, Galli, Compagnoni, Molinari, Cottarelli, Fietta, Masetti). All. Javorcic.
PIACENZA (3-5-2) Stucchi; Cannistrà, Battistini, Tafa; Pedone, Simonetti, Palma, Scorza (dal 15′ s.t. Miceli), Gonzi (dal 25′ s.t. Breganti); Cesarini (dal 35′ s.t. Renolfi), Maio (dal 25′ s.t. Galazzi). (Anane, Martimbianco, Visconti, Saputo, Sulijc, Babbi). All. Scazzola
ARBITRO Maria Sole Ferrieri Caputi di Livorno
NOTE Ammonito Cannistrà, Brignoli, Lombardoni e Battistini.

LA FOTOGALLERY DI CLAUDIO CAVALLI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà