Lunedì c’è Triestina-Piace. Mister Scazzola: “Servirà la partita perfetta”

11 Settembre 2021

“Firmare per il pareggio? Mai. C’è tanto rispetto per la Triestina, considerata insieme al Padova tra le due squadre più forti dell’intero girone, ma non paura, e la affronteranno cercando di limitare al massimo l’attacco avversario e provare a sfruttare le occasioni che arriveranno”.

Questo il pensiero di mister Cristiano Scazzola in vista della difficile trasferta che attende il suo Piacenza Calcio. Lunedì sera, alle ore 21, la squadra biancorossa andrà dunque a fare visita alla Triestina, incontro valido per la seconda giornata di campionato di Serie C. Sarà un Piace ancora rimaneggiato, anche se non così tanto come quello visto in coppa: capitan Cesarini sarà ancora out, Dubickas verrà risparmiato dopo gli impegni con la Nazionale lituana, non disponibili nemmeno Simonetti e Angileri. La squadra di Scazzola arriva però a questo importante scontro con il morale alto, dopo aver eliminato il Mantova mercoledì scorso nel secondo turno di Coppa Italia. Secondo l’allenatore, questo è stato il primo obiettivo del periodo attuale, superato in maniera brillante: “Era il nostro primo obiettivo quello di passare il turno di Coppa Italia, ci siamo riusciti giocando una partita discreta, ovviamente con alcuni errori e delle cose da sistemare, ma è normale in questa fase della stagione, per di più con diversi giocatori fuori per vari motivi. Però la voglia e la fame si sono viste, c’è un’identità di squadra ben precisa e questo ci ha permesso di portare a casa un risultato positivo”.

La partita di lunedì sera avrà però tutto un altro peso specifico, si va in casa di una delle favorite per la vittoria finale, ma comunque con tanta fiducia nei propri mezzi. “Se firmerei per il pareggio? – la domanda posta al mister, subito rispedita al mittente – mai. Non si firma mai per un pari prima della partita, c’è tanto rispetto per la nostra avversaria. La ritengo tra le due più forti del girone insieme al Padova, anzi, con gli ultimi cinque acquisti fatti secondo me è addirittura superiore. Basti pensare a chi hanno davanti, da Litteri a De Luca, poi Gomez, Trotta, Petrella, più un centrocampo di qualità dove hanno inserito anche il nostro ex Galazzi. Per me è un gruppo che può puntare più di qualunque altra contendente alla vittoria finale”.

Come si affronta dunque una squadra così forte dal punto di vista della qualità individuale? “Con grande attenzione – le parole di Scazzola – dovremo limitare al massimo gli errori, anzi, non commetterne proprio altrimenti squadre del genere non ti lasciano scampo, e puntare a fare la classica partita perfetta. Loro sulla carta sono più forti di noi, ma alla fine è sempre il campo a decidere”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà