Mister Scazzola alla viglia del match con la Giana: “Voglio un Piace grintoso e cattivo”

23 Ottobre 2021

È un Piacenza che deve ritrovare se stesso e punti pesanti in classifica quello che domani pomeriggio affronterà la Giana Erminio al “Garilli”. Fischio d’inizio alle ore 14.30, uno scontro diretto per la salvezza che la squadra di Scazzola dovrà vincere per uscire dal periodo negativo. I biancorossi sono scivolati al penultimo posto in classifica dopo le ultime due sconfitte contro Pro Sesto e Sudtirol, i tre punti sarebbero dunque come la manna dal cielo. Non se la passano molto meglio gli avversari di giornata, appena un punto più su del Piace e reduci dalla sconfitta di Vercelli.

Nella conferenza-stampa alla vigilia della partita, mister Cristiano Scazzola si aspetta quella che sarà una sorta di “battaglia” per i tre punti che potrebbero risollevare morale e classifica di una o dell’altra contendente: “Sarà una gara in cui conterà molto il risultato, a prescindere da altri fattori, per cui noi siamo orientati a quello. Per fare in modo che succeda dobbiamo limitare al massimo quegli errori che in queste partite ci hanno penalizzato dal punto di vista delle vittorie, alcuni erano evitabili e anche per quanto riguarda il fatto che il 60% delle partite le abbiamo concluse in inferiorità numerica. Questo non deve succedere, sono convinto che in questi giorni i ragazzi si siano allenati bene e il risultato sarà la parte più important. “Non è questione di essere preoccupati, in fondo abbiamo meno punti di quelli che meritiamo. C’è piuttosto quella cattiveria nel voler capire che cosa abbiamo sbagliato finora e nel volere rimediare agli errori commessi fin qui, quei dettagli che non ci hanno permesso di vincere alcune partite. Una cattiveria che ci deve portare a fare risultato, ogni partita in Serie C è difficile e anche questa lo sarà, i risultati visti finora lo hanno dimostrato”.

Per quanto riguarda la probabile formazione, Pratelli in porta, difesa a tre con Simonetti, Codromaz e Marchi, centrocampo con Giordano, Suljic, Bobb, Corbari e Parisi, in avanti la coppia Cesarini-Dubickas. _Gabriele Faravelli

© Copyright 2021 Editoriale Libertà