Coppa Italia, niente da fare per il Piacenza. L’Andria passa in semifinale (1-0)

24 Novembre 2021

Nulla da fare per il Piacenza nella ripresa, entrano anche Gonzi, Dubickas e Gissi, ma l’unica opportunità è per quest’ultimo che sfiora la traversa di testa. La Fidelis Andria non rischia e sfiora anche il 2-0 nel finale, passa dunque in semifinale.

Fine primo tempo, 1-0 per la Fidelis Andria. Piacenza che parte bene nei primi minuti, poi i padroni di casa trovano il gol del vantaggio con Bubas, abile a sfruttare un lancio dalle retrovie, poi vanno vicini al raddoppio con le conclusioni di Alberti e Casoli. Poche idee in casa Piace, nessuna occasione degna di nota

Al 25′ primo tempo, Fidelis Andria in vantaggio con Bubas, bravo a sfruttare un lancio di Alberti, brucia Tafa e Codromaz quindi batte Libertazzi per l’1-0.

LE FORMAZIONI – Fidelis Andria (3-5-2): Vandelli; Lacassia, Venturini, Sabatino; Casoli, Dipinto, Bolognese, Alberti, Carullo; Bonavolontà, Bubas. All.: Ginestra.

Piacenza (3-5-2): Libertazzi; Simonetti, Tafa, Codromaz; Parisi, De Grazia, Bobb; Corbari, Burgio; Rabbi, Raicevic. All. Scazzola.

 

NOTIZIA DELLE 7 – Fatiche infrasettimanali per il Piacenza Calcio che alle 14.30 di oggi, mercoledì 24 novembre, sfida in trasferta la Fidelis Andria nei quarti di finale di Coppa Italia. Gara sempre secca con eventuali supplementari e rigori in caso di prolungata parità. L’auspicabile semifinale (contro la vincente di Sudtirol-Teramo) si snoderà invece sulla doppia sfida.

Andria tappa significativa per tanti motivi, con il grande stimolo di voler regalare una bella soddisfazione alla cinquantina di impagabili tifosi che si sono messi
in viaggio nella notte per essere puntuali al seguito della squadra del cuore. Mister Cristiano Scazzola non ha certo bisogno di suonare la carica: “Affrontiamo una sfida importante, che vogliamo vincere per proseguire il cammino gradatamente sempre più intrigante in Coppa. Iniziato per lo più con l’obiettivo di fare nostro il derby particolarmente sentito dalla tifoseria con la Reggiana, passato poi dalla voglia di far prevalere le nostre ragioni contro una pari quotata come il Mantova e dove in seguito ci siamo tolti la soddisfazione di eliminare una corazzata come il Modena. Adesso che viene il bello vogliamo esserci”.

Il tecnico di Loano in quadra così la sfida odierna allo stadio degli ulivi. “Sarà una partita più complicata rispetto a quanto potrebbe indurre a pensare la loro posizione in graduatoria (penutlima della classe nel girone C, ndc). La Fidelis Andria è comunque squadra potenzialmente attrezzata, forte di individualità di spicco quali ad esempio Di Piazza, Di Noia e Casali, dunque da affrontare con la massima attenzione ed il piglio giusto”. La prolungata defezione di Cesarini potrebbe indurre a nuovi pensierini di mercato? Scazzola lo esclude. “Assolutamente no – replica il tecnico -, piuttosto vedrò di percorrere soluzioni alternative”.

Il “mago” è rimasto a casa per proseguire la tabella di cura, mentre con gli altri si sono imbarcati anche gli acciaccati Gonzi e Suljic. Pure Dubickas non è al meglio. Pressoché certo l’esordio in biancorosso dal 1’ di Raicevic e sicuramente spazio nell’undici di partenza per Simonetti, Bobb e Libertazzi. Turnover si, ma stavolta senza stravolgere l’assetto base.

Questa la probabile formazione
PIACENZA (3-5-2): Libertazzi; Codromaz, Tafa, Angileri; Simonetti, Corbari, De Grazia, Bobb, Giordano; Rabbi, Raicevic

© Copyright 2021 Editoriale Libertà