Il vaccino Sputnik non vale in Italia, Cortemaggiore perde le due campionesse russe

21 Gennaio 2022

Guai seri in vista per la Teco Foodlab Cortemaggiore, squadra impegnata nel massimo campionato femminile di tennistavolo. L’aggiornamento dei protocolli anti-Covid e il cambio in corsa del regolamento stanno spingendo la formazione magiostrina verso il baratro del ritiro dal campionato, eventualità da tenere in considerazione.

Alle giocatrici russe, coperte dal vaccino Sputnik, fino a qualche tempo fa bastava il tampone negativo per poter giocare. Ora, dato che Sputnik non è riconosciuto in Italia e che occorre una nuova vaccinazione per il green pass, le atlete russe sono obbligate ad agire di conseguenza. Morale: Olga Kulikova e Natalia Malinina rifiutano di procedere e sono fuori dai giochi. Uno spiraglio si apre per Valentina Sabitova che deve ancora decidere. La rosa comprende la slovena Ana Tofant a mezzo servizio tra Francia e Cortemaggiore, Arianna Barani e Valentina Roncallo. La società ha allora tesserato la giovane Ramona Paizoni, a sua volta impegnata in Austria, ma un regolamento molto restrittivo – contestato da molti club – impone un minimo di presenze per l’accesso a play off e play out.

TUTTI I DETTAGLI SU LIBERTA’ NELLA’RTICOLO DI ROBERTO CALZA

© Copyright 2022 Editoriale Libertà