La torta delle rose per un dolce rientro

Di Debora Saccardi 02 Settembre 2021

 

Le tante attese vacanze stanno giungendo al termine ma cosa ne dite di continuare a coccolarci ancora un po’? Potrebbe aiutare cominciare bene la giornata con un pizzico di golosità e dolcezza. Per l’occasione direi che si potrebbe preparare la torta delle rose.

L’aspetto rustico di questo dolce non deve trarre in inganno, infatti la preparazione è tutt’altro che banale e scontata. La lavorazione infatti richiede tempo, pazienza e si realizza a partire da un impasto lievitato ricco.

Ma come mai si chiama “delle rose”? Le origini di questa torta risalgono al 1490. Sembra che il famoso cuoco dell’epoca, Cristoforo da Messisbugo, in onore del matrimonio di Isabella d’Este, decise di riprodurre un dolce che ricordasse una corona di rose. Nonostante questa informazione storica, ancora oggi se ne contendono la paternità mantovani, bresciani e gardesi.

La mia ricetta per voi

Alcune indicazioni utili, prima di cominciare a realizzare questa nota torta. La versione riportata è quella che mi è stata gentilmente offerta da un’amica di famiglia. Quella che vi propongo, è una ricetta semplificata a lievitazione diretta, senza lievito madre ma con lievito di birra. L’acqua può essere sostituita con il latte. Le lievitazioni possono prolungarsi fino a 180 minuti, in alcune ricette anche per 24 ore ,se negli ingredienti è previsto l’utilizzo di lievito madre. Siete pronti?

 

Ingredienti per il lievitato Quantità
Farina tipo manitoba g 500
Burro g 100
Zucchero semolato g 150
Uova n. 3
Lievito di birra g 25
Acqua ml 100
Scorza di limone n. 1
Aroma di vaniglia in semi n. 1 cucchiaino
Sale fino n. 1 cucchiaino
Per la sfogliatura  
Burro g 80
Cannella in polvere *(facoltativa)  n. 1 cucchiaio

 

Procedimento

Lavorare a pomata il burro con la scorza di limone e i semi di vaniglia. Riporlo in frigorifero.

Reidratare il lievito di birra con l’acqua.

Riunire in planetaria la farina, le uova e aggiungere il lievito reidratato. In un secondo momento amalgamare lo zucchero, il sale e il burro aromatizzato.

Quando l’impasto è liscio e omogeneo farlo lievitare per circa 90 minuti.

Stendere l’impasto formando un rettangolo di circa 1 cm di spessore. Stendere il burro e spolverare con la cannella.

Richiudere l’impasto formando tre strati. Riporre l’impasto in frigorifero per circa 60 minuti.

Riprendere la pasta lievitata e stenderla ancora a 1 cm circa di spessore. Arrotolarla formando un filone di circa 4 cm di diametro. Tagliarlo e realizzare delle rose alte circa 2 cm. Disporle in teglia imburrata e infarinata con il disegno rivolto verso l’alto. Le rose dovranno lievitare per altri 90 minuti.

Infornare a 170°C per 30 minuti. Servire spolverando a piacere con zucchero a velo.

 

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà