Pan dei morti: un’antica tradizione da non dimenticare

Di Debora Saccardi 28 Ottobre 2021

 

Se negli States la festa di Halloween è una delle più sentite, è giusto ricordare che anche in Italia ci sono tradizioni ben radicate, se pur meno note e chiacchierate.

Mi riferisco in modo particolare a un’usanza molto diffusa nella pianura padana, soprattutto in territorio lombardo tra Milano e la Brianza ma anche in alcune località emiliane e toscane. La ricorrenza legata alla festa dei santi e dei morti, prevede infatti di preparare il pan dei morti. Ne avete mai sentito parlare?

Questo “pane” dolce, viene preparato e servito come ristoro ai defunti che nella notte tra il 01 e il 02 novembre tornano dall’ aldilà. Un modo per rendere loro omaggio, dopo il lungo viaggio intrapreso per tornare tra i vivi, che ci lega con un’altra ritualità di origine messicana, il “Dia de los muertos”. Infatti oltre ai balli e alle maschere dai colori particolarmente vivaci e cangianti, riveste un ruolo importante la cucina con la preparazione del “Pan de muertos”, un dolce a base di anice e teschi di zucchero. Solo in questi giorni tanto in Italia quanto in Messico, c’è una reciproca celebrazione di morte e vita. E voi siete pronti a mettere in tavola il vostro pan dei morti?

 

La mia ricetta per voi: pan dei morti

Si chiama pane o pan dei morti ma nell’aspetto, nella forma e nella consistenza ricorda più un biscotto. Va precisato che nell’impasto di solito non è previsto l’uso del burro.

E’ una preparazione interessante se dovete recuperare biscotti o frutta secca.

I biscotti secchi previsti nella ricetta si possono sostituire con i savoiardi.

Il vino bianco da utilizzare deve essere preferibilmente dolce, l’ ideale è il vin santo ma anche un moscato o un malvasia andranno bene.

Mandorle e fichi possono essere tritati con il cutter, io ho preferito conferire un aspetto più rustico ai biscotti e ho svolto questo passaggio a mano.

 

Ingredienti (per circa 20–25 biscotti) Quantità
Biscotti secchi g 250
Farina di frumento tipo 0 g 100
Cacao Amaro in polvere g 25
Zucchero semolato fine g 100
Mandorle tostate g 50
Uvetta sultanina g 50
Fichi secchi g 50
Lievito in polvere per dolci n. 1 bustina
Albumi g 160
Vino bianco ml 150
Rum ml 100
Zucchero a velo g 60

 

 

Procedimento

Ammollare l’uvetta con il rum. Tostare le mandorle in forno a 120°C per 5-.6 minuti. Tritarle.

Tritare i fichi secchi. Stacciare insieme farina, lievito e cacao.

Sbriciolare i biscotti con il cutter.

In una ciotola riunire tutti gli ingredienti e impastare energicamente.

Dividere l’ impasto in due filoncini di uguale peso, coprirli con pellicola e riporli in frigorifero per 30 minuti.

Tagliare i filoncini in fette regolari, spesse circa mezzo centimetro e disporle in teglia con carta forno. Infornare a 180º C per 20-25 minuti.

Far raffreddare il pan dei morti e servire con una leggera spolverata di zucchero a velo.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà