Pere al vino rosso: dolcezza senza tempo!

Di Debora Saccardi 13 Ottobre 2022

 

Una ricetta particolarmente gettonata nelle regioni del nord Italia e la vicina Francia, la ricetta perfetta per dare il benvenuto all’autunno. Ma quali pere utilizzare?

Una domanda non scontata, non banale, considerando che esistono più di 200 varietà di pere e non tutte sono adatte per la cottura.

Le migliori, se dovete prepararle intere con o senza buccia ma anche da mettere in vaso, sono le Martin Sec e le Madernassa entrambe varietà piemontesi, molto valide anche le pere coscia.

Per torte, crostate, muffin meglio le Conference e le Kaiser.

E tra tutti i vini rossi quali scegliere per questa preparazione?

Se volete restare fedeli alla versione piemontese, il Barolo o il Barbera, in alternativa il nostro locale Gutturnio non sfigurerà oppure in alternativa un Bonarda dolce.

Questa preparazione dalle origini antiche, si parlava di pere, vino e spezie già ai tempi di Marco Gavio Apicio, gastronomo, cuoco, scrittore romano vissuto tra il I secolo a.c. e il I secolo d.c., è stata particolarmente utilizzata nei periodi di razionamento e scarsa disponibilità di zucchero, sfruttando appieno la dolcezza intrinseca delle pere.

La ricetta per voi: le pere al vino rosso

Nella mia versione il vino viene aromatizzato con stecca di cannella e chiodi di garofano. Potete sbizzarrirvi aggiungendo anice stellato, bucce di arance o limoni.

La quantità di zucchero può variare dai 100 ai 200 g ogni 500 ml di vino, dipende dalla dolcezza e dalla densità che volete raggiungere.

Io preferisco non sbucciare le pere, per ridurre lo scarto ma per una preparazione più elegante e meno rustica, potete aiutarvi con un pelapatate o uno spilucchino per sbucciarle. Mantenete picciolo e torsolo.

Le pere preparate in questo modo si prestano a essere consumate sia fredde che calde, nel primo caso accompagnate da panna fresca, gelato, yogurt, crema chantilly o crema zabaione, mentre nel secondo caso con crumble, biscotti o cialde.

 

Ingredienti Quantità
Pere tipo coscia n. 6
Gutturnio frizzante ml 500
Zucchero semolato g 100
Chiodi di garofano n. 3
Stecca di cannella n. 1

 

Procedimento

Lavare accuratamente le pere.

In una casseruola di rame scaldare il vino con zucchero e aromi, per qualche minuto.

Filtrare il vino e aggiungere le pere.

Coprire con coperchio e portare a leggero bollore.

Cuocere a fuoco moderato per circa 45 minuti.

Se necessario, togliere le pere dal vino e farlo ridurre per raggiungere una consistenza sciropposa.

Servire le pere ancora calde oppure fredde con il liquido di cottura.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà