Zuppa fumante? Prepariamola col pane raffermo

Di Debora Saccardi 20 Gennaio 2022

 

Alzi la mano chi ha sempre qualche pezzo di pane che avanza! Un modo interessante per recuperarlo, è sicuramente la preparazione di una corroborante nonché riscaldante zuppa di pane, un comfort food che affonda le sue radici nella cucina contadina, una cucina essenziale fatta di sostanza.

La zuppa di pane sembra avere origini medioevali, anche se a quei tempi il pane veniva scavato, abbrustolito e usato più come fondina da cui mangiare direttamente la minestra brodosa, che doveva contenere. Nei secoli la ricetta si è evoluta e oggi le zuppe più note sono sicuramente la panada friulana, con pane raffermo e semi di finocchio, la tirolese con pane nero e uovo. Non dimenticate che il pane raffermo è protagonista anche nella ribollita toscana e nella zuppa di cipolle. Nella sua semplicità il pane può cambiare la consistenza e il sapore del piatto in cui viene inserito, pensate alle più gettonate creme di pane, che nelle cucine sempre più spesso servono a creare abbinamenti più ricercati per accompagnare pesce crudo, agrumi e perché no, anche il caviale.

 

La ricetta: zuppa di pane gratinata in forno

 

La scelta del pane

Io ho utilizzato panini di pasta dura ma volendo potete sostituirlo con pane casereccio, pane integrale, di semola o al sesamo, dipende da quello che avete in casa e dal vostro gusto personale. I panini che ho usato avevano circa una settimana, quindi si sbriciolavano al taglio. Se preferite pane che tenga meglio la forma, dovete usarlo di 3 giorni al massimo.

Brodo

Nella ricetta che segue ho inserito il brodo di carne per un sapore più deciso. Se ne preferite uno più delicato, optate per quello di verdure.

Cottura gratinata

Volete una zuppa estremamente filante e al tempo stesso croccante in superficie?

Aggiungete un formaggio tipo provolone dolce o scamorza.

Guarnizioni

La zuppa che vi propongo è costituita da pochi ingredienti ma volendo potete renderla più gustosa aggiungendo un uovo pochè o sbattuto poco prima di servirla, il trito di un’erba aromatica come cipollina o prezzemolo, piccoli bocconcini di carne magari quella usata per preparare il brodo, una dadolata di salumi cotti o affumicati, qualche pezzo di salsiccia e per versioni più veggie style spinaci, cime di rapa o legumi.

 

Siete pronti a mettere in tavola la vostra zuppa?

 

Ingredienti per 4 persone Quantità
Panini di pasta dura n. 4
Brodo di carne ml 300
Grana padano grattugiato g 80
Olio extravergine d’oliva g 25
Cipolla tritata g 100

 

 

Procedimento

Pelare e tritare la cipolla.

Tagliare a fette spesse circa 1 cm i panini.

In una casseruola scaldare l’olio e rosolare il trito di cipolla.

Togliere dal fuoco, disporre a strati le fette di pane e il formaggio grattugiato.

Aggiungere il brodo e infornare a 190°C per 10-15 minuti, fino a quando il formaggio non si sarà sciolto. Servire ben calda.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà