Accusata di omicidio

Delitto alla piadineria: per Maila Conti chiesta la perizia psichiatrica

22 agosto 2019

Sarà la perizia psichiatrica a stabilire se Maila Conti era capace di intendere e volere quando ha colpito e ucciso con un coltello Leonardo Politi nei pressi del chiosco di piadine che la coppia di Travo aveva aperto da qualche mese a Lido Adriano, sul litorale di Ravenna. L’avvocato Wally Salvagnini ha deciso di incaricare un esperto perché valuti in generale le condizioni della donna dal punto di vista mentale. Conti resta rinchiusa nel carcere femminile di Forlì dopo il rifiuto del gip di concedere gli arresti domiciliari.

La tesi della legittima difesa – contestata dalla ricostruzione fatta dalla Procura di Ravenna – è supportata in gran parte anche dal referto medico del pronto soccorso: la prognosi di dieci giorni per contusioni alla testa ed escoriazioni al volto testimonierebbero il fatto che il 61enne Leonardo Politi avesse già iniziato a picchiarla durante la lite. Secondo gli inquirenti, invece, la Conti avrebbe colpito di proposito il compagno durante una delle tante liti che da anni caratterizzavano il loro rapporto tormentato.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE