Da oggi 200 monopattini sulle strade di Piacenza: “Si trasforma la mobilità”

13 Maggio 2021

La mobilità cittadina si trasforma. Da oggi sulle strade di Piacenza c’è una flotta di circa 200 monopattini elettrici: mezzi tanto attesi dai più giovani quanto criticati da qualcuno. “Una nuova modalità di spostamento che abbiamo voluto anche nella nostra città, in maniera ordinata e sicura”, sottolinea l’assessore alla mobilità Paolo Mancioppi.

A partire da stamattina, infatti, i monopattini elettrici sono posizionati sulle strade urbane, dal centro storico alla periferia, con la possibilità per chiunque – proprio come in altri territori italiani – di noleggiarli liberamente. “Pur con l’auspicio – puntualizza Mancioppi – che tutti rispettino le regole”. In concreto, bisogna anzitutto scaricare l’app Bit Mobility, registrarsi e inserire un metodo di pagamento; dopodiché l’utente può trovare – attraverso la mappa interattiva – il monopattino più vicino e sbloccarlo grazie al codice Qr. Sale a bordo, accelera e parte. Le tariffe variano a seconda del tempo di utilizzo.

Al termine della corsa, in periferia si può posteggiare il monopattino dove si vuole, mentre in centro storico ci sono regole più strette per tutelare il decoro urbano. “Nel cuore della città – spiega il referente di Bit Mobility Michele Francione – l’utente deve lasciare il mezzo in punti ben definiti”. Nei giorni scorsi, infatti, l’amministrazione comunale ha allestito alcune piazzole di sosta ad hoc (oltre una ventina in totale) da largo Matteotti a via San Marco, da via Mazzini a via Giordano Bruno, e non solo.

“Anche la velocità del veicolo elettrico – aggiunge Francione – cambia in base alla posizione urbana, funzionando a 25 chilometri orari in periferia e a 15 chilometri orari in centro. Serve pazienza, il primo mese sarà di assestamento. Poi questi strumenti entreranno nella mobilità cittadina a pieno regime, anche grazie ad abbonamenti per le aziende e gli studenti”.

Via libera ai monopattini, dunque. Ma il Comune promette di non abbassare la guardia dal punto di vista della sicurezza stradale. “Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni di persone che non utilizzano questi mezzi in modo corretto. La campagna di sensibilizzazione della polizia municipale proseguirà. Il senso unico vale per tutti, di sera il conducente deve accendere le luci e indossare il giubbotto catarifrangente. È vietato trasportare persone o cose”, ricorda l’assessore alla sicurezza Luca Zandonella. Altre regole da non dimenticare: è possibile circolare in zone 50, piste ciclabili e aree ciclopedonali; il servizio è riservato ai maggiorenni, oppure – per i giovani dai 14 anni – con l’utilizzo obbligatorio del casco.

La ditta Bit Mobility comunica di aver stipulato le polizze assicurative necessarie a tutelare il conducente in caso di incidente stradale o il danneggiamento del mezzo.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà